La prugna (o susina)

Il prugno, o susino, è una pianta della famiglia delle Rosaceae rappresentato da numerose specie botaniche. Il prugno è coltivato in tutto il mondo, con varietà originarie di diverse aree:
1) asiatico-europee:
- europee (Prunus domestica): Regine Claudie, Gocce d'Oro, Diamantine Blu, Lombarde, Stanley, President;
- siriache: Damaschine, Mirabelle, Sangiuliane;
- mirabolani, specie spontanea dell'Asia Minore, il suo impiego è diffuso come portinnesti;
2) varietà cino-giapponesi: Sorriso di Primavera e Shiro, ottimi impollinatori, Black Gold e Diamond, T.C. Sun e Angeleno;
3) varietà americane: americane pure, nigra, Van Buren.
Per quanto concerne la biologia si distinguono i susini europei, a fioritura tardiva, quasi tutti autocompatibili e con 1-2 fiori per gemma, dai susini cino-giapponesi, più precoci, con autoincompatibilità e 2-3 fiori per gemma; l'impollinazione è entomofila (insetti) e anemofila (vento). La fioritura tardiva dell'europeo consente una maggiore resistenza al freddo, ma è un susino che ha maggior fabbisogno in freddo (poco consigliati al Sud); vale il contrario per il cino-giapponese; buona è la capacità di adattamento e la resistenza all'eccesso di calcare.

Il frutto

Le prugne, a seconda delle varietà, hanno forma, dimensione, consistenza della polpa e colore diverso: possono essere tonde od ovali, più grandi o piccole, con polpa croccante o succosa, di colore viola, giallo, verdastra o rossa, con polpa filamentosa e sapore più o meno dolce (contengono fruttosio, xilosio e maltosio) e acidulo per la presenza di alcuni acidi (acido malico, succinico, tartarico e citrico). Il frutto si raccoglie da giugno a ottobre. Come per quasi tutta la frutta di stagione, per stabilire il grado di maturazione si valuta la resistenza della polpa e la variazione del colore di fondo della buccia. Data la natura organolettica della polpa conservare in frigo questo frutto si rivela quasi inutile, in quanto la polpa tende a imbrunire.

Proprietà

Le prugne hanno circa 40 kcal per 100 gr di prodotto, contengono circa l'87% di acqua, vitamina A, B, PP e C. Tra i sali minerali ricordiamo il potassio, il fosforo, il magnesio e il calcio. Le prugne sono anche ricche di polifenoli e flavonoidi, antiossidanti che agiscono contro i radicali liberi, contrastando l'invecchiamento delle cellule e proteggendo così il nostro organismo. Le prugne sono particolarmente note per la loro azione lassativa e, per questo, non si dovrebbe eccedere nel consumo. Le prugne secche contengono anche una quantità maggiore di fibra per cui risultano particolarmente indicate nei casi di stitichezza. Per una consumazione ottimale, possono anche essere bollite in acqua e consumate insieme al liquido di cottura. Inoltre le prugne secche contengono una concentrazione di sostanze con proprietà antiossidanti superiori a quelle fresche e, dato l'alto valore energetico, sono indicate agli sportivi. Sono però sconsigliate a chi segue una dieta ipocalorica e ai diabetici, dato l'alto contenuto di zuccheri. Le prugne sono indicate agli anemici, i reumatici e arteriosclerotici; sono anche indicate nei casi di affaticamento e di stress in quanto sono energizzanti; grazie al potassio, poi, combattono la ritenzione idrica, sono diuretiche e stimolano la secrezione della bile. Le prugne possiedono proprietà toniche e depurative dell'organismo, senza dimenticare che apportano anche benefici alle unghie ai capelli.

Le varietà delle nostre prugne

Amola

Il frutto è di medie dimensioni. La buccia è di colore giallo. La polpa è di colore giallo. Ottimo sapore. Si raccoglie nella seconda metà di luglio. Dalle nostre parti quasi tutti la chiamiamo "Mulona".

Angeleno

La più diffusa susina cino-giapponese nel nostro paese. Presenta buona pezzatura e discreta consistenza. I suoi frutti sono a maturazione tardiva, nella seconda metà di settembre. Il frutto ha forma rotonda e appiattita alla base. La polpa è di colore giallo, la buccia blu/nero. La qualità gustativa è buona ed è un frutto con ottima conservabilità.

Anna Spath

Frutto medio-grosso, buccia da rosso porpora a blu viola con punti a volte chiari. La polpa è giallo-verdastra, soda, spicca, non molto succosa, zuccherina, dolce, aromatica, gradevole. Si raccoglie a settembre.

California

Il frutto è di dimensioni medio-piccole, dalla caratteristica forma ovale-allungata. La buccia è di colore viola scuro: è particolarmente adatta per la produzione di prugne sciroppate e di confetture. Si raccoglie in agosto. Tutti la chiamiamo California, ma il nome di questa varietà sarebbe Stanley.

Coscia di Monaca

Ha pezzatura medio-piccola, forma del frutto di tipo obovato, colore dell’epidermide giallo-dorato, con eventuali macchie rossastre. La polpa è molto consistente, spicca a completa maturazione, di media succosità e sapore aromatico veramente apprezzabile. Altra grande dote di questa varietà è l’elevata conservabilità.

Ersinger

Di origine tedesca, possiede caratteristiche pomologiche e commerciali assai pregevoli. Pezzatura medio-piccola, forma ovoidale o ellissoidale, piuttosto simmetrica; buccia di colorazione scuro-violacea, con riflessi blu-rossastri; polpa di colore giallo-verdastro, buona, mediamente aromatica, di media consistenza, spicca. Matura nella prima e seconda decade di luglio.

Fortuna

.

Goccia d'oro (Shiro)

Albero vigoroso, produttivo. Frutto medio, rotondo o cuoriforme, giallo o verde chiaro; polpa gialla, mediamente soda, molto succosa, piuttosto dolce, non spicca. Raccolta a metà luglio.

Grand Prix

.

Italia

Varietà storica, sempre meno coltivata perchè poco resistente e molto tenera quando in piena maturazione. Frutti di pezzatura media, di colore violaceo, polpa giallo/verdastra. Matura ad agosto.

President

E' una tra le migliori susine europee, con tronco nodoso, corteccia rugosa di colore bruno, con produttività regolare e costante. La prugna President presenta frutti di bell'aspetto, pezzatura grossa e forma allungata. La buccia è di colore viola scuro. La polpa è giallastra, consistente e spicca, dal sapore buono. La maturazione avviene la prima decade di settembre.

Regina Claudia

Bella nelle forme, di colorito modesto, supera tutte le altre prugne in delicatezza, in abbondanza di sugo, e in sapore. Il frutto è rotondo, medio - piccolo, tagliato da una sutura marcata, con un picciolo piuttosto corto. La buccia è sottile, verdastra. Matura dopo la metà di luglio.

Roda

.

Ruth Gerstetter

Vecchia varietà, susina europea a maturazione precoce. Buccia rosso viola, polpa gialla verde, il sapore è dolce, aromatico e mediamente asprigno. La polpa ha una consistenza mediamente soda, è succosa e leggermente gelatinosa. La Ruth Gerstetter è una prugna spicca, cioè il nocciolo si stacca bene dalla polpa. Si raccoglie nella seconda metà di giugno-prima metà di luglio: si conserva in maniera naturale anche per 10-15 giorni.

Sangue di drago

Frutti di grosse dimensioni, polpa sanguigna, finissima, non spicca e di ottimo sapore. Matura nella terza decade di luglio.

Santa Rosa

I frutti di questa varietà sono grandi e di forma sferica; la loro buccia si distingue per il colore rosso scuro, mentre la polpa è di colore giallo o leggermente rosata. Matura nella primadecade di luglio.

Settembrina

Frutti di medio-piccole dimensioni, spicca e di ottimo sapore. Buccia viola, polpa soda verdastra. Matura a fine agosto, inizio settembre. Si conserva senza refrigerazione per 15-20 gg. Ottima per essicazione e confetture

.

TC Sun

Albero vigoroso a portamento espanso. Frutto molto grosso, rotondo, nero uniforme; polpa giallo crema, molto soda, di sapore ottimo. Raccolta a fine agosto.

Violetta

.

Le nostre ricette

Prugne sciroppate

4 kg di prugne California, 1 kg di zucchero, 4 barattoli da un litro
- Lava accuratamente le prugne e asciugale (o lasciale asciugare per un'oretta) con un telo.
- Tagliale a metà.
- Elimina i noccioli, lasciandone circa uno su dieci attaccato alla mezza prugna.
- Prepara uno sciroppo mettendo lo zucchero in una pentola ed aggiungendo 2 litri d'acqua. Porta a ebollizione e lascia sbollentare per qualche minuto, quindi togli dal fuoco e lascia raffreddare.
- Metti le prugne nei barattoli adagiandole con la parte tagliata verso in basso.
- Ricoprile con lo sciroppo senza arrivare al bordo. In alternativa allo sciroppo puoi mettere zucchero direttamente sulle prugne, una cucchiaiata ogni strato o due.
- La quantità di zucchero può essere ridotta a piacere, soprattutto se le prugne sono abbastanza mature: tieni segnata la diversa maturazione delle prugne che usi in diversi vasetti e la diversa quantità di zucchero che metti, per l'anno prossimo avrai la tua ricetta personalizzata



Questa settimana abbiamo...



... per la vendita diretta in azienda

in via Olmetola 18, 9-11 e 17-19 (orario estivo), escluso pomeriggi festivi

... al nostro banchetto nei mercati contadini

A Riale, martedi dalle 15 alle 19, parcheggio Centro Sociale Falcone, in Via Tosarelli 4
In via Segantini, mercoledi dalle 15 alle 19, parcheggio centrale termica
A Villa Bernaroli, sabato dalle 8 alle 12,30, in via Morazzo 3