La fragola

Le odierne varietà di fragola sono derivate da ibridi ottenuti ormai tre secoli fa in Francia dall'incrocio fra due varietà di fragola selvatiche americane. Esse si dividono in 2 grossi gruppi: fragole rifiorenti e fragole unifere. Le prime producono tutto l'anno, a condizione che non sia troppo freddo. L'epoca di piantagione va dalla primavera all'autunno. Le fragole unifere producono solo in primavera, ma abbondantemente e con frutti di migliore qualità rispetto alle fragole rifiorenti. L’epoca di piantagione va da giugno a settembre.

Tra storia e leggenda

Pare che la fragola fosse presente già sulle tavole dell'antica Roma. Soleva comparire in coincidenza con le feste in onore di Adone, alla morte del quale, come narra la leggenda, Venere pianse copiose lacrime, che, giunte sulla terra, si trasformarono in piccoli cuori rossi: le profumatissime fragole. Secondo altre leggende popolari più recenti, ma che si perdono comunque nella notte dei tempi, la fragola sarebbe in grado di proteggere dal morso di vipere e serpenti: per scongiurare il pericoloso veleno di questi animali si dice si debba raccogliere le foglie della piantina il giorno di San Giovanni. Chi avesse dunque raccolto le foglie il 24 di giugno, le avesse fatte essiccare al sole e poi le avesse intrecciate per farne una cintura, sarebbe stato tutelato da eventuali morsi, spesso letali, di vipere e serpenti! Certo si tratta di credenze popolari legate alla tradizione contadina italiana, ma sono leggende che raccontano quanto la fragola sia da sempre molto apprezzata.

Le fragole a colazione migliorano l'umore

Oltre ad avere tutta una serie di proprietà benefiche, tra cui essere depurative e disintossicanti, le fragole stimolano la produzione di serotonina e melanina capaci di migliorare l'umore. Un motivo in più per includerle nella colazione primaverile e mangiarle a stomaco vuoto, quando l'organismo è più ricettivo e pronto ad accoglierle con un sorriso. Maggio è il mese delle fragole che aiutano il nostro organismo a prepararsi alla nuova stagione grazie alle sue virtù: rinfrescanti, rimineralizzanti, diuretiche aiutano infatti l'organismo a purificarsi e rinforzare i meccanismi di autodifesa, preziosi per contrastare le malattie di raffreddamento. Sono infatti ricche di vitamina C (più delle arance) e di altre sostanze importanti che insieme a tanta fibra e acqua, si rivelano un valido alleato nelle diete dimagranti. Le fragole sono ricche di antiossidanti che mantengono giovani le nostre cellule e risultano essere delle valide alleate nella preparazione di maschere di bellezza e rimedi per la salute dei denti. Inutile dire che in cucina la fragola si sposa a preparazioni più o meno sofisticate, ma il modo migliore per gustarle e fare il pieno di benessere è allo stato naturale: soprattutto quando sono di colore rosso vivo, sode e profumate!

La pianta, i fiori, il frutto

La fragola è una pianta erbacea perenne, provvista di stoloni, sottili fusti striscianti lungo i quali, all’altezza dei nodi, si sviluppano radici, foglie e poi fiori e frutti; dai nodi si possono ottenere quindi nuove piantine. La pianta della fragola presenta un apparato radicale di tipo fascicolato, cioè costituito da radici primarie e secondarie. Si estendono in larghezza per un raggio di 25-30 centimetri e oltre e si ramificano obliquamente raggiungendo una profondità di qualche decina di centimetri, a seconda del tipo di terreno e della disponibilità d’acqua. Oltre a svolgere la funzione principale di ancoraggio e di assorbimento dell’acqua e degli elementi nutritivi, l’apparato radicale ha anche la funzione di immagazzinare le sostanze di riserva. Il fusto è molto breve (2-3 centimetri) e prende il nome di rizoma; è di consistenza erbacea quando la pianta è giovane e man mano che essa invecchia diviene semilegnoso. Le foglie, portate su piccioli lunghi circa da 5 a 15 centimetri, sono generalmente composte da tre foglioline che presentano bordi dentati caratteristici per ogni varietà, tutte inserite sullo stesso livello e disposte a ventaglio (foglie palmate). Le infiorescenze sono dei «corimbi» (infiorescenze in cui i fiori sono allineati alla medesima altezza, mentre i peduncoli partono dall’asse principale da altezze diverse); i fiori sono inseriti all’estremità dei peduncoli. Generalmente si tratta di fiori ermafroditi, che contengono cioè sia gli organi maschili (stami, portanti le antere con il polline), disposti intorno al ricettacolo, che quelli femminili (pistilli, alla base dei quali ci sono gli ovari contenenti gli ovoli), inseriti nel ricettacolo. Alla base del fiore si trova il calice, costituito da sepali verdi (in numero di 5 o più) che rivestono all’esterno la base della corolla, costituita dai petali (anch’essi in numero di 5 o più) di colore bianco. L’impollinazione, cioè il trasporto del polline dagli stami alla sommità dei pistilli (stigma), è affidata sia al vento (anemofila) che agli insetti pronubi (entomofila). Il frutto è in realtà un «falso frutto» in quanto costituito dall’ingrossamento del ricettacolo e prende il nome di «sorosio». I veri frutti sono gli acheni di colore verde brunastro (quelli che generalmente vengono chiamati semi), che sono inseriti sulla superficie del falso frutto. La forma del frutto cambia a seconda della varietà: può essere conica, conico-allungata, conico-arrotondata, conico-appiattita, tronco-conica, trapezoidale. Il colore può variare dall’aranciato, al rosso vivo, al rosso scuro. Altre caratteristiche distintive del frutto sono la pezzatura (dimensione), la brillantezza, la consistenza della polpa, la resistenza della superficie alle manipolazioni e il sapore (profumo, acidità e dolcezza).

Le varietà delle nostre fragole

Alba

Varietà unifera a maturazione precoce. Adatta a varie zone di coltivazione, dall'Italia centrale fino ai paesi nordici. Si coltiva bene sia in coltura protetta che a pieno campo. Il vigore vegetativo è medio, la produttività elevata. I frutti sono di grossa pezzatura, con forma conico-allungata e colore rosso brillante. La buona consistenza della polpa la rende abbastanza adatta al trasporto e alla conservazione per qualche giorno.

Antea

Varietà a raccolta medio-precoce adatta agli ambienti continentali europei. I frutti sono molto regolari, di forma conica allungata, di calibro omogeneo medio-grosso. Colore molto attraente, rosso brillante anche a maturazione avanzata. Polpa consistente ed epidermide resistente alle manipolazioni anche con temperature elevate.

Asia

L'epoca di raccolta è medio-precoce. Selezionata a Cesena e diffusa nel 2005. Pianta di buona vigoria, di elevata produttività e mediamente tollerante alle più comuni malattie. Il frutto è di bell'aspetto, molto grosso e discretamente consistente: ha una forma conico-allungata, un colore rosso molto brillante ed è dotato di ottimo sapore e aroma.

Clery

Varietà precocissima, adatta agli ambienti temperati continentali europei, caratterizzata da un'ottima combinazione di caratteristiche produttive, commerciali e gustative. La pianta ha un'ottima tolleranza alle malattie dell'apparato fogliare e radicale. Il frutto è di ottima presentazione per la regolarità della forma e della brillantezza dell'epidermide, e le caratteristiche gustative sono elevate, con profumo e aroma intensi.

Joly

Varietà a raccolta intermedia e prolungata, qualità organolettiche di assoluta eccellenza, con sapore molto zuccherino e di ottimo aroma. I frutti sono molto resistenti in pianta e possono essere raccolti a piena maturazione. Il colore è rosso brillante, molto attraente e omogeneo anche in frutti completamente maturi. Polpa completamente colorata, di ottima consistenza, molto resistente alle manipolazioni.

VR4

Varietà a maturazione intermedia, adatta alle aree settentrionali per l’elevato fabbisogno in freddo invernale delle piante. I frutti sono di grossa pezzatura, di forma conica, a volte irregolare, di colore rosso intenso, brillante. Polpa consistente e di ottimo sapore.



Questa settimana abbiamo...



... per la vendita diretta in azienda

in via Olmetola 18, 9-11 e 17-19 (orario estivo), escluso pomeriggi festivi

... al nostro banchetto nei mercati contadini

A Riale, martedi dalle 15 alle 19, parcheggio Centro Sociale Falcone, in Via Tosarelli 4
In via Segantini, mercoledi dalle 15 alle 19, parcheggio centrale termica
A Villa Bernaroli, sabato dalle 8 alle 12,30, in via Morazzo 3